Navigazione veloce

UO2 – Indicazioni operative cessazioni servizio

Cessazioni dal servizio con decorrenza 1.9.2014 – Personale della Scuola – D.M.1058/2013 – Trattamento di quiescenza – Indicazioni operative Continua a leggere UO2 – Indicazioni operative cessazioni servizio

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria – Direzione Generale
Ufficio IX – Ambito Territoriale per la provincia di Reggio Calabria
Via Sant’Anna II° tronco, località Spirito Santo – 89129 Reggio Calabria
e-mail: usp.rc@istruzione.it – Posta Elettronica Certificata: usprc@postacert.istruzione.it

Prot.: AOOUSPRC960
Reggio Calabria, 26 gen 2014
U.O.2

AI DIRIGENTI SCOLASTICI delle Istituzioni Scolastiche di ogni ordine e grado della provincia di Reggio Calabria LORO SEDI

OGGETTO: Cessazioni dal servizio con decorrenza 1.9.2014 – Personale della Scuola – D.M.1058/2013 –  Trattamento di quiescenza – Indicazioni operative

Con riferimento alle note del MIUR, Dipartimento per l’Istruzione, AOODIPT prot.n.2855 del 23.12.2013 e dell’Ufficio Scolastico Regionale A00DRCAL-362 del 9.1.2014, al fine di semplificare l’attività amministrativa di codeste istituzioni scolastiche e dirimere eventuali dubbi interpretativi, questo Ufficio ritiene opportuno sintetizzare le principali modalità operative indicate nei due predetti documenti, alla cui attenta lettura, in ogni caso, si rimanda.

CESSAZIONI A DOMANDA

1-                 Tutto il personale che sia in possesso, alla data del 31.12.2011, se donna di 61 anni di età e 20 di contribuzione, sia uomo che donna con 60 anni di età e 36 di contribuzione, oppure 61 anni di età e 35 di contribuzione (c.d. quota).

Si prescinde, invece, dall’età anagrafica con 40 anni di contribuzione.

2-                 Coloro che sono in possesso, entro il 31.12.2014, di una anzianità contributiva di   anni 41 e mesi 6 se donna e 42 anni e 6 mesi se uomo, salve le eventuali riduzioni percentuali dei trattamenti pensionistici previste dalle leggi nn. 14/2012 e 124/2013.

3-                 Il personale che compie 65 anni di età entro il 31.12.2014 e ha maturato i requisiti per l’accesso al pensionamento alla data del 31.12.2011.

4-                 Il personale che compie 66 anni e 3 mesi di età entro il 31.12.2014 con almeno 20 anni di contribuzione.

5-                 Le donne che optano per la pensione con il sistema contributivo e che abbiano maturato i requisiti richiesti dalla L.243/2004, art.1, c.9.

6-                 Per quanto riguarda coloro che, nel corso dell’anno 2011, risultavano essere in congedo ai sensi dell’art.42, c.5, del d.lgs 151/2001 o aver fruito di permessi ai sensi dell’art.33, c.3 legge 104/92 e successive modifiche, si rimanda a quanto previsto dalla Circolare del MIUR, Direzione Generale per il Personale Scolastico, prot.AOODGPER n.481 del 21.1.2014 di cui si allega copia.

CESSAZIONI D’UFFICIO

Le SS.LL., ai sensi del D.M. 1058 del 23.12.2013, dovranno adottare il provvedimento di cessazione d’ufficio nei confronti del personale che si trovi nelle seguenti condizioni:

1- personale che , compiendo 65 anni di età al 31.8.2014, sia in possesso alla data del 31.12.2011, se donna di almeno 20 anni di anzianità contributiva, sia uomo che donna della cosiddetta quota “96” derivante dalla somma dell’età anagrafica e          dell’anzianità    contributiva (60+36 o 61+35).

2- personale che compie 66 anni e 3 mesi di età entro il 31.8.2014, salvo   concessione della proroga della permanenza in servizio quando ne ricorrano le condizioni.

3- coloro che maturano al 31.8.2014 , 40 anni di anzianità contributiva e hanno     maturato la quota “96” al 31.12.2011, previo preavviso entro il 28.2.2014.

4- personale che matura al 31.8.2014 l’anzianità contributiva di 41 anni e 6 mesi per le        donne e 42 anni e 6 mesi per gli uomini.

La risoluzione del rapporto di lavoro non opera nei confronti di coloro che non           hanno compiuto 62 anni al fine di evitare l’applicazione delle riduzioni percentuali dei trattamenti pensionistici (L.124/2013).

Le predette penalizzazioni non trovano, invece, applicazione nei confronti dei   soggetti che possono vantare i predetti requisiti di anzianità contributiva derivanti         da prestazioni effettive di lavoro, con esclusione, pertanto, degli studi universitari, periodi di disoccupazione  senza diritto a cassa integrazione ordinaria, maggiorazioni dei servizi a qualsiasi titolo anche se oggetto di valutazione con provvedimento concretamente adottato (servizio estero, invalidità).

CONCESSIONE DI PROROGA DELLA PERMANENZA IN SERVIZIO

La domanda di trattenimento in servizio dovrà essere presentata in forma cartacea entro il 7.2.2014. La proroga dovrà essere concessa al personale che compie 66 anni e 3 mesi di età entro il 31.8.2014, soltanto ai fini del raggiungimento dell’anzianità minima contributiva necessaria per il conseguimento del diritto al trattamento di pensione. Per quanto attiene agli altri casi si fa riferimento Direttiva n.94 del 4.12.2009.

 ISTRUZIONI OPERATIVE

Il personale interessato, entro il 7.2.2014, potrà presentare alla scuola, domanda di collocamento a riposo e, nello stesso termine, eventualmente revocarla. Nella domanda gli interessati dovranno dichiarare la volontà di cessare comunque o di rimanere in servizio in caso di accertamento di mancanza dei requisiti. Nell’eventualità della permanenza in servizio, dovranno essere annullate le cessazioni al SIDI. Le domande dovranno essere inviate all’INPS secondo le modalità  indicate nelle note sopra citate (on-line, contact center, patronato). Si evidenzia che il personale che cessa dal servizio, deve autonomamente effettuare l’eventuale scelta del patronato più gradito a cui rivolgersi, non essendo consentite, in alcun caso, indicazioni specifiche né da parte di questo Ufficio né delle istituzioni scolastiche.

Le SS.LL. dovranno invitare il predetto personale a compilare l’allegato modello di autocertificazione dei servizi e periodi vantati alle date del 31.12.2011, 31.8.2014 e del 31.12.2014 nei casi previsti dal DM. 1058 per la pensione anticipata. Dovranno, inoltre, dichiarare i servizi non retribuiti e l’eventuale presentazione di domande di riscatto e/o ricongiunzione all’INPS ed il loro esito (in corso di definizione e, se definite, i servizi e periodi riconosciuti).

 Successivamente, le SS.LL. dovranno procedere alla verifica dei dati dichiarati da ciascun dipendente sul modello di autocertificazione e, in particolare per le cessazioni d’ufficio,  verificheranno l’eventuale esistenza dei seguenti requisiti:

a)                  se il personale che compie 65 anni di età al 31.8.2014, sia in possesso, se donna di 20 anni di anzianità contributiva, se uomo della c.d. quota 96 (60+36, 61+35).

b)                  se il personale che può vantare 40 anni di anzianità contributiva al 31.8.2014, abbia maturato la quota 96 alla data del 31.12.2011. In tal caso, dovrà essere adottato a cura delle SS.LL. il provvedimento di preavviso da notificare agli interessati improrogabilmente entro il 28.2.2014 esattamente 6 mesi prima della decorrenza del pensionamento.

c)                  se il personale che ha compiuto 62 anni di età al 31.8.2014, abbia maturato una anzianità contributiva di anni 41 e mesi 6 se donna, di anni 42 e mesi 6 se uomo.        Nei confronti del predetto personale, le SS.LL. adotteranno il provvedimento formale di risoluzione del rapporto di lavoro.

d)                  Infine, provvederanno alla convalida delle cessazioni sul SIDI come previsto dalle note sopra citate.

DOCUMENTAZIONE DA TRASMETTERE A QUESTO UFFICIO IN TRIPLICE COPIA

1-     Provvedimento di risoluzione del rapporto di lavoro;

2-     Provvedimento di ricostruzione di carriera aggiornato alla data di cessazione;

3-     Prospetto dei compensi accessori percepiti dagli interessati, distinti per anno solare;

4-     Certificati dei servizi prestati con iscrizione al Fondo Tesoro e Previdenza;

5-     Copia dei provvedimenti adottati dall’INPS nei confronti dell’interessato;

6-     Delibere di riscatto B.U. con relativa certificazione dell’importo versato in unica soluzione ovvero con l’indicazione del mese e dell’anno della prima e ultima trattenuta effettuata sul trattamento stipendiale;

7-     Coordinate Bancarie (codice IBAN necessario per l’accreditamento del trattamento di buonuscita);

8-     Cedolino stipendio in godimento;

9-     E-mail personale per le comunicazioni tramite posta elettronica.

Confidando nella consueta collaborazione, si inviano distinti saluti

IL COORDINATORE RESPONSABILE
dr. Giuseppe SQUILLACE
Firma autografa sostituita a mezzo stampa ex art. 3, c. 2 D.Lgs n. 39/93

Non è possibile inserire commenti.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile, clicca su "Accetta" per permettere il loro utilizzo.

Chiudi